FORMAZIONE

Sono un architetto.

Dopo la laurea ho frequentato un master di progettazione del paesaggio e del giardino presso la Fondazione Minoprio, assecondando la passione per la progettazione degli spazi aperti, soprattutto dei giardini e terrazze.

Ho collaborato per diversi anni con uno studio specializzato nella progettazione degli spazi verdi e successivamente come coordinatrice di un importante evento che promuove la cultura del paesaggio, entrando in contatto con le più note personalità del settore, che mi hanno ispirata e hanno contribuito a creare la mia personale concezione del giardino e del suo utilizzo.

FILOSOFIA

La mia inclinazione mi porta a concepire giardini di taglio moderno, che coniugano esigenze estetiche, spaziali, funzionali e di bassa manutenzione.

Ogni giardino porta la mia impronta e rispecchia il mio concetto di giardino:

  • uno spazio adatto a tutti anche a chi non ha il “pollice verde”,
  • cucito su misura rispetto all’ambiente in cui si inserisce,
  • corrispondente alle esigenze e ai desideri di chi lo dovrà vivere.

In questo modo ogni realizzazione è unica.

METODO

Ogni processo creativo  – e quindi anche il progetto degli spazi verdi, di qualsiasi tipologia e dimensione – si sviluppa in diverse fasi:

  • sopralluogo e raccolta delle informazioni necessarie
  • formulazione delle prime idee, vagando liberamente con la mente;
  • scrematura delle prime ipotesi e sintesi delle reali fattibilità
  • stesura dell’idea di progetto e preparazione per sottoporre al cliente la soluzione.

Alla presentazione del progetto segue la Direzione Lavori che prevede:

  • preventivazione delle varie opere;
  • affidamento degli incarichi ai realizzatori necessari;
  • realizzazione delle opere edili (se ci sono) e a verde.